Cibi/Alimenti Che Possono Sviluppare Intolleranze

  • La Caffeina contenuta nel caffè e nelle bibite analcoliche (coca cola) perché ha un’azione vasocostrittrice.
  • Il Sale, su soggetti predisposti, può essere una delle cause che sviluppano intolleranza, quindi ridurre il sale e i cibi che contengono sale come formaggi stagionati, pecorino, insaccati
  • I Salumi perché contengono nitriti, sostanze ad azione vasodilatatrici e che innescherebbero gli attacchi. 
  • I Formaggi Stagionati perché contengono la tiramina, che andrebbe a interferire con l’adrenalina, un ormone che gioca un ruolo fondamentale sui vasi cerebrali ed è una causa di stress.
  • Alimenti ricchi di tiramina e di altre ammine biogene:
    Formaggi stagionati tipo cheddar, gorgonzola, gouda, roquefort, brie, pecorino, groviera.
    Pesce poco fresco o conservato, tipo arringhe, tonno, caviale, salsiccia, insaccati, selvaggina.
    Birra, vino rosso e bevande fermentate, fichi, fave, tofu, tempeh, zuppa di miso, estratto di lievito, cioccolato, frutta secca e uva.
  • Il Cioccolato perché contiene betafeniletilamina, sostanza che accresce la produzione di serotonine, un neurotrasmettitore che, se presente in eccesso, va ad agire sulle zone del cervello responsabili del dolore, e perché contiene caffeina (vedi caffeina).
  • Il Sodio glutammato è contenuto nei dadi da brodo, in molti ripieni di tortellini e ravioli e in molte salse o sapidatori come il bovis.
  • La Frutta come avocado, arance, fragole, banane, prugne.
  • Il Vino Rosso perché contiene flavonoidi, che favoriscono l’azione delle sostanze tanniniche, responsabili del mal di testa.
  • Il Vino Bianco

Alimenti che contengono Nitriti e Nitrati.

  • I nitriti (E249, E250) e i nitrati (E251, E252) sono sostanze naturalmente presenti negli alimenti animali, vegetali e nell’acqua.
    Vengono aggiunti come additivi a insaccati, prosciutti, wurstel, carni in scatola e altri prodotti a base di carne, pesci marinati e a volte anche in prodotti caseari. In realtà questi composti si trovano naturalmente anche nei vegetali, nei quali la percentuale dipende molto dai fertilizzanti impiegati e la cui presenza varia se essi sono coltivati in serra, causandone l’aumento, e dall’esposizione solare che invece li fa diminuire. Per questo motivo i vegetali provenienti da colture biologiche contengono una percentuale inferiore di nitrati.
  • Tipi di ortaggi ad alto contenuto di nitrati (da evitare per le emicranie): lattuga, cavolo rapa, lattuga cappuccina, crescione, bietola da costa, ravanello, rafano, rabarbaro, rapa rossa, spinacio.
  • Tipi di ortaggi medio contenuto di nitrati: cima di rapa, indivia, finocchio, cavolo riccio, sedano, cavolo bianco, cavolo verza, zucchino.
  • Tipi di ortaggi a basso contenuto di nitrati: melanzana, fagiolino, cavolfiore, broccolo, cicoria, pisello, cetriolo, patata, germogli, carota, peperone, funghi, porro, cavoletto di Bruxelles, cavolo rosso, radice amara, asparago, pomodoro, cipolla.

CIBI DA RIDURRE PER L’ELEVATA PRESENZA DI GLUTINE  (da eliminare per i celiaci)

  • Frumento (grano), segale, orzo, avena, farro, spelta, kamut, triticale, monococco
  • Farine, amidi, semola, semolini, creme e fiocchi dei cereali vietati
  • Paste, paste ripiene, gnocchi di patate, gnocchi alla romana, pizzoccheri preparati con i cereali vietati
  • Pane, pancarrè, pan grattato, focaccia, pizza, piadine, panzerotti, grissini, cracker, fette biscottate, taralli, crostini, salatini, cracotte, crepes preparati con i cereali vietati
  • Germe di grano
  • Couscous (da cereali vietati), tabulè, bulgur,
  • seitan,
  • cracker di grano, greunkern, greis
  • Crusca dei cereali vietati
  • Malto dei cereali vietati

ISTAMINA – ALIMENTI NON CONSENTITI

Una limitazione generale consigliata. Per la re-introduzione degli alimenti se certi d’intolleranza all’istamina chiedere supporto ad uno specialista.

Alimenti ricchi di istamina

  • Pomodori, crauti, spinaci.
  • Conserve.
  • Ketchup e salsa di soia.
  • Pesce in scatola: conservati, marinati, salati o essiccati (sardine, tonno, sgombro, acciughe, aringhe).
  • Pesce affumicato (aringa, salmone..).
  • Crostacei e frutti di mare.
  • Salsicce, salame, carne secca, prosciutto affumicato, mortadella…
  • Formaggi fermentati e stagionati.
  • Alcolici, vino, birra.
  • Aceto di vino.
  • Lievito.

Alimenti chiamati liberatori di istamina o istamino-liberatori:

  • Cioccolato/cacao.
  • Fragola, banana, ananas, papaya, agrumi (arance, pompelmi…), kiwi, lampone, pera, avocado.
  • Molluschi e crostacei.
  • Noci, nocciole, mandorle e anacardi.
  • Albume d’uovo.
  • Carne di maiale.
  • Caffè.

Questa scheda tecnica, riporta informazioni che in alcun modo non vogliono sostituire la diagnosi ed il parere del Vostro medico di fiducia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish